Scarica il Decreto Cura Italia Pubblicato in Gazzetta Ufficiale

di

Finalmente ieri è stato approvato il Decreto denominato Cura Italia che permette di incrementare le risorse economiche e umane nel settore sanitario (come la possibilità di assumere anche i medici che non hanno sostenuto l'esame di state) e, al tempo stesso, permette l'attivazione dei diversi ammortizzatori sociali (come ad esempio il congedo parentale, la cassa integrazione in deroga anche per aziende con un solo dipendente, il contributo una tantum per le Partite Iva).

Da questo link potrai scaricare il pdf del Decreto Cura Italia direttamente dalla Gazzetta Ufficiale

pdf decreto cura italia

Per le aziende, molto importante è l'Art.19 che regolamenta l'integrazione salariale e l'accesso all'assegno ordinario per tutti i datori di lavoro che nel 2020 hanno ridotto o sospeso l'attività lavorativa per cause riconducibili all'emergenza Covid-19. La domanda va presentata entro il mese agosto 2020

Altrettanto importante è l'Art.20 che detta le nuove disposizioni per la Cassa Integrazione in deroga.

Mentre per i lavoratori dipendenti che hanno figli con un'età inferiore ai 12 anni, l'articolo di interesse è l'Art.23 e, consigliamo di leggere il punto 4, che riportiamo qui di seguito:

4. La fruizione del congedo di cui al presente articolo è riconosciuta alternativamente ad entrambi i genitori, per un totale complessivo di quindici giorni, ed è subordinata alla condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o altro genitore disoccupato o non lavoratore.

Tenendo presente che si tratta di un'agevolazione per i genitori che sono entrambi al lavoro e che hanno bambini piccoli da accudire, risulta abbastanza coerente col principio.

Per i lavoratori autonomi, invece, di particolare interesse sono gli Art.27 e Art.28. Quello che include la maggior parte dei lavoratori autonomi è il primo che assegna alle partite iva che fanno domanda l'importo di 600 euro riguardante il mese di marzo 2020.

Articoli ad hoc sono stati scritti invece per i lavoratori stagionali del turismo e i lavoratori del settore agricolo, rispettivamente Arti. 29 e Art.30. Sono stati necessari articoli personalizzati, nel primo per allargare il periodo di valutazione partendo dal 1 gennaio 2020, mentre nel secondo c'è il vincolo dei aver effettuato almeno 50 giornate lavorative nel 2019. Anche per gli aventi diritto di queste categorie, gli importi una tantum sono pari a 600 euro. Inoltre, per i lavoratori del settore agricolo, tramite l'Art.32, si fissa la proroga per la presentazione della domanda di disocuppazione al 1° giugno 2020.

Ovviamente, si sono previsti anche casi in cui si possa avere diritto a più di un aiuto e, allo scopo di aiutare quanta più gente possibile, si è stabilito anche il principio di non comulabilità tra le diverse agevolazioni presenti in questi articoli.

Questi sono gli articoli che riguardano la maggior parte della popolazione (abbiamo escluso gli articoli riguardanti il settore sanitario perchè ognuno di loro è superimpegnato a salvare le nostre vite e non ha sicuramente il tempo necessario per leggere questo articolo e tanto meno l'intero decreto), ad ogni modo, vi consigliamo di leggere attentamente il decreto, Scaricabile direttamente da questo link Decreto Cura Italia direttamente dalla Gazzetta Ufficiale