Differenza Gomme Invernali, Estive e 4 Stagioni

di

Con l'arrivo della stagione fredda, molti automobilisti provvedono a fare il cambio dalle gomme estive a quelle invernali. E' una pratica che si fa quasi in automatico, sia per rispettare l'obbligo di catene e pneumatici invernali, sia per una maggiore sicurezza alla guida. E puntualmente, nel momento del cambio sorge la domanda "che differenza c'è tra le gomme estive, quelle invernali e quelle 4 stagioni?"; ed è proprio a questa domanda che andremo a rispondere.

gomme-estive-invernali-4-stagioni

Indice

Cosa cambia tra gomme invernali e estive

Nel confronto gomme invernali vs estive, la prima principale differenza si trova nella mescola. Infatti, gli pneumatici invernali vengono realizzati con una mescola con una componente di silice molto elevata. Questo comporta un più facile riscaldamento della gomma durante il movimento della vettura.

Sugli pneumatici invernali, all'elevato utilizzo di silice, viene poi associata anche una maggiore quantità di gomma naturale rispetto agli pneumatici estivi. Questo per garantire una maggiore duttilità dello pneumatico e farsi, grazie anche al riscaldamento del silicio, di restare il più possibile aderente al terreno.

Ma lo sforzo per mantenere le gomme ad una temperatura elevata al punto giusto per permetterne la guida non finisce qui. Infatti, un'altra fondamentale differenza tra gli pneumatici estivi e quelli invernali, che si può notare anche con un semplice sguardo, si trova sul "disegno" dello pneumatico stesso.

gomme-estive-vs-gomme-invernali

Infatti, sulla gomma invernale troveremo tante piccole scanalature, chiamate anche "lamelle" o "sipes" molto flessibli. Questa flessibilità è la caratteristica fondamentale per mantenere la gomma calda. Infatti, durate il cammino della vettura, queste lamelle che formano le scanalature si flettono fino a toccarsi, generando attrito tra loro e quindi il calore che permette loro di non indurisi col freddo. Al tempo stesso, il calore generato fa "ammorbidire" la neve che si incanala in queste lamelle e permette allo pneumatico di avere ancora maggiore aderenza.

Sullo pneumatico estivo invece queste micro-scanalature non ci sono e quindi si hanno dei veri e propri tasselli pieni. Questo, unito alla mescola con meno silice e meno gomma naturale, comporta sì un irrigidimento nel periodo invernale (sotto i 7°C, per intenderci), ma allo stesso tempo comporta una maggiore resistenza e stabilità nel periodo estivo.

Un'ultima differenza si trova nelle scanalature. Nelle gomme estive si avaranno due/tre scanalature longitudinali profonde per permettere il passaggio di possibile acqua che si trova sull'asfalto. Mentre sugli pneumatici invernali si hanno generlamente due scanalature longitudinali profonde che vanno ad intersecarsi con altre scanalture curve/orizzontali che facilitano l'espulsione della neve.

Cosa succede usando gomme invernali in estate

Un'altra domanda molto comune è "cosa succede se lascio montate le gomme invernali anche d'estate?"

Una parte della risposta è abbastanza prevedibile e semplice: con temperature superiori ai 7°C le gomme invernali tendono a surriscaldarsi e a deteriorarsi prima. Infatti, se teniamo presente la componente di silice, la maggiore percentuale di gomma naturale, le scanalature apposite per far aumentare la temperatura è abbastanza facile giungere alla conclusione che utilizzando gli pneumatici invernali durante il periodo estivo si avra un più veloce deterioramento dovuto alle elevate temperature che faranno quasi "sciogliere" lo pneumatico.

pneumatici-invernali-in-estate

La conseguenza non scontata di tutto questo è che, la vettura diverrà molto instabile, soprattutto in curva, provocando facili sbandamenti! Così come si allungano inevitabilmente gli spazi di frenata, avendo una gomma più "fluida" che fa meno presa sull'asfalto.Per questo motivo è altamente sconsigliato utilizzare le gomme invernali nel periodo estivo.

Inoltre, cosa altrettanto importante (soprattutto per le tasche), è stato dimostato che a parità di vettura e di peso, utilizzando uno pneumatico invernale d'estate porta ad un aumento dei consumi di oltre il 15%. Tradotto in soldoni: il denaro che si pensa di risparmiare, non facendo il cambio degli pneumatici invernali con quelli estivi, si spenderà in maggior carburante consumato e maggiori rischi di tenuta.

Come riconoscere le gomme invernali

Come già spiegato sopra, è abbastanza facile riconoscere una gomma invernale dal disegno del battistrada. Ma, per avere una maggiore conferma, sraà sufficiente guardare il bordo dello pneumatico.

logo-sigla-gomme-invernali

Come si può vedere dall'immagine, le gomme invernali si possono rinoscere dalla sigla M+S presente sul fianco. Questa sigla può essere trovata anche nelle forme MS, M/S, M-S, M&S e mantenere comunque la validità di gomme invernali (piccolo dettaglio per poter viaggiare in tranquillità sulle autostrade con gomme invernali senza catene nel periodo in cui è previsto l'obbligo).

La presenza di questa sigla è indispensabile affiche uno pneumatico sia riconosciuto come invernale. Sugli pneumatici invernali più moderni, inoltre, è possibile vedere anche il logo di una montagna con un fiocco di neve, chiamato “Snowflake". Gli pneumatici che hanno anche questo logo possono vantare di aver superato anche i test specifici su neve e ghiaccio.

Gomme invernali o 4 stagioni

Negli ultimi anni, a posizionarsi tra le gomme invernali e quelle estive, sono le gomme 4 stagioni, chiamati anche pneumatici All Season.

Sostanzialmente, i pneumatici 4 stagioni rappresentano il miglior compromesso in stabilità, consumi e deterioramento per coloro che non voglio cambiare gli pneumatici col cambi delle stagioni.

Si parla di compromesso proprio perchè, trovandosi nel mezzo delle altre due versioni di pneumatici possono dare dei risultati mediamente accettabili sia nella stagione estiva che in quella invernale. Ovviamente, non avranno la stessa tenuta o gli stessi consumi, ma di contro tolgo il fastidio del cambio gomme se non dovute all'usura o a qualche foratura.

Questo tipo di pneumatici è anche consigliato per coloro che fanno pochi chilometri e quindi, cambiando gli pneumatici estivi con quelli invernali arriverebbero a dover comprare dei nuovi treni per via dell'età massima consigliata (circa 5 anni) e non per averli realmente consumati.

confronto pneumatici invernali con 4 stagioni

 

Generalmente, lo pneumatico 4 stagioni può avere la mescola di quello invernale (quindi maggiore quantità di silice e gomma naturale), ma il disegno del battistrada molto simile a quello estivo (quindi con le scanalature minime). In alternativa, può avere la mescola di quello estivo (quindi più resistente all'innalzamento della temperatura), ma con disegno del battistrada molto simile a quello invernale (quindi con scanalature a lamelle, anche se in numero inferiore rispetto a quello invernale).

Proprio perchè 4 stagiorni, anche questi pneumatici godono del marchio M+S, quindi dal punto di vista del codice stradale sono equiparate a quelle invernali.

Negli ultimi anni gli pneumatici 4 stagioni hanno vissuto ulteriori sviluppi tecnologici che ne hanno aumentato le prestazioni sotto ogni aspetto, sia della tenunta, che dei consumi, che del deterioramento. Ovviamente, non si parla delle prestazioni straordinarie ottenute dagli altri due tipi di pneumatici, anch'essi in continuo sviluppo, ma permetto di circolare tutto l'anno con ormai elevati margini di sicurezza, così come si puà vedere dall'infografica seguente:

confronto pneumatici invernali estivi 4 stagioni

 

Come si può vedere, nel periodo estivo (quindi con temperature superiori ai 7°C) sia a livello di spazi di frenata, che di tenuta di strada che di durata, lo pneumatico estivo è il protagonista assoluto, ma gli pneumatici 4 stagioni di ultima generazioni ormai hanno raggiunto un livello elevato in terrmini di prestazioni; mentre lo pneumatico invernale va in sofferenza sotto tutti i punti di vista.

Allo stesso modo, con l'abbassare delle temperature (ovvero sotto i 7°C), la scelta migliore risulta essere lo pneumatico invernale, seguito a ruota da quello all season di ultima generazione che paga dazio solo per la durata del battistrada. Catastrofico invece il risultato della gomma estiva, soprattuto in tenuta idi curva con asfalto innevato o ghiacchiato.